Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

 Buone News 

Buone notizie dall'Italia e dal mondo

2011, Anno internazionale delle foreste

di Gabriella Bruzzone

Pinerolo Indialogo - Anno 2 - N.2 - Febbraio 2011

 In questi ultimi anni si è andata sempre più rafforzando una sorta di "coscienza verde", ovvero una consapevolezza maggiore verso l’ambiente e le sue risorse: molti Paesi hanno attuato politiche ambientali di sensibilizzazione, sono stati organizzati concerti per raccogliere fondi a favore del rimboscamento, la raccolta differenziata ha subito una forte spinta da parte delle amministrazioni comunali.

Così anche il 2010 ha lasciato in eredità al suo successore alcune importanti campagne da realizzare, prima fra tutte la proclamazione del 2011 come anno internazionale delle foreste. L’obiettivo dell’ONU, appoggiato fortemente anche dal governo italiano, è quello di valorizzare le risorse boschive fondamentali per l’equilibrio ambientale.

A questo proposito l’Italia ha visto l’iniziativa della regione Lombardia che ha annunciato la piantumazione di ben 300.000 piante su tutto il territorio entro marzo. Il piano, che propone l’ampliamento della superficie forestale, si pone due scopi principali: il primo è il potenziamento delle zone verdi nelle aree urbane, il secondo è di favorire le attività legate alla lavorazione del legno.

Il progetto rientra nel Programma di Sviluppo Rurale della regione Lombardia e sarà finanziato dall’Unione Europea e da fondi regionali.

Altra novità eco-sostenibile è il divieto, a livello mondiale, della distribuzione dei sacchetti di plastica. Molti negozi e supermercati si sono già muniti delle nuove sportine biodegradabili realizzate in fibra di mais e alcune grandi catene stanno addirittura provvedendo alla distribuzione di borse in tela. Già qualche anno fa era scoppiata una sorta di moda tra le star per una shopper di fibre naturali – il cui nome è "I’m not a plastic bag" - realizzata da una stilista inglese che proponeva con questa la sostituzione dei più nocivi sacchetti di plastica.

Inoltre, Lorenzo Frattini, presidente Legambiente dell’Emilia Romagna, sostiene che la messa al bando dei sacchetti di plastica non danneggerà nessuno, anche perché i produttori di plastica erano avvisati da tempo; anzi, il Piemonte ha favorito un’azienda del novarese che si è buttata nella produzione di mater-B - ovvero l’ingrediente derivato dall’amido di mais per la creazione delle nuove sporte - riuscendo, nel giro di due anni, a triplicare la sua produzione.