Pinerolo Indialogo

MAGAZINE DI CULTURA E DI INFORMAZIONE LOCALE

 
 



Home page
Redazione
Contatti
Archivio
Album fotografico
Testate giornalistiche
Links utili
 
   

 


 




Pinerolo Indialogo

Novembre 2017


Dialogo tra generazioni

Home Page :: Indietro

Tecnologia & Innovazioni 

Google Pixel Buds 

di Greta Gontero

Pinerolo Indialogo - Anno 8 - N.11 Novembre 20017

Se la torre di Babele è ancora oggi ricordata per la sua ambizione, l’ultimo innovativo strumento uscito della casa Google passerà alla storia per essere un progetto che mira altrettanto in alto: gli auricolari Google Pixel Buds sono stati creati per tradurre all’istante oltre 40 lingue diverse, tramite l’app Google Translate.

Vediamo ora nel dettaglio di cosa si tratta e come funziona.

Un’altra frontiera è stata abbattuta grazie ai dispositivi creati da Google e in uscita a novembre in Italia: i Google Pixel Buds sono cuffie wireless ricaricabili (con un’autonomia di circa 5 ore) che, oltre a riprodurre brani musicali, funzionano insieme a Google Translator e permettono all’utente di tradurre qualunque lingua (tra quelle disponibili) in tempo reale.

Immaginate che vi troviate all’estero e che, questa volta, la tipica gestualità all’italiana non riesca a salvarvi nella vostra conversazione… Come fare? Basta indossare i Google Pixel Buds e il gioco è fatto! Le cuffie sono in grado di analizzare le frasi del vostro interlocutore, tradurle all’istante e permettervi di dare una risposta adeguata grazie all’app di Google Translator.

Al momento le cuffie hanno un costo di circa 160 dollari e funzionano solamente insieme agli smartphone Pixel 2 e Pixel 2 XL, ma non è detto che presto possano essere collegabili ad altri tipi di dispositivo.